RTI Calabria

Scrivi e cerca

Crotone: Primo laboratorio tematico del Progetto CA.P.I.RE (Capacitazione Pubblica Interventi Regionali)

Condividi

Si è tenuto questa mattina, nella Sala Consiliare, il primo dei laboratorio tematico del Progetto CA.P.I.RE (Capacitazione Pubblica Interventi Regionali)

Il Comune di Crotone, capofila dell’Ambito Sociale di Crotone (composto dai comuni di Belvedere Spinello, Cutro, Isola Capo Rizzuto, Rocca di Neto, San Mauro Marchesato e Scandale) partecipa, infatti, al progetto a cura della Regione Calabria ed in partenariato con l’Università della Calabria – Dipartimento Scienze Politiche e Sociali.

I lavori sono stati coordinati dall’assessore alle Politiche Sociali Filly Pollinzi

Come è stato evidenziato, la presenza di stranieri in Calabria ha avuto, negli ultimi anni, un trend di crescita elevato con punte di incidenza in alcuni Comuni che superano il 20% di presenze.

L’aumento del numero di acquisizioni di cittadinanza, delle iscrizioni scolastiche, dei matrimoni misti, degli occupati, contribuisce a disegnare un quadro di consolidamento strutturale dell’immigrazione, accanto al quale persiste però una pressione di carattere emergenziale determinata dai flussi cosiddetti irregolari, di richiesta asilo,di ritorno e circolari legati alla stagionalità agricola.

I numeri del sistema di accoglienza e dei flussi stagionali hanno inciso nella strutturazione di aree dove la presenza di stranieri è molto al di sopra della media regionale e ne condiziona anche i fabbisogni

Il progetto, finanziato dal Fondo Asilo e Migrazione si prefigge l’obiettivo di potenziare le competenze degli enti pubblici e privati che a vario titolo si occupano di migranti, migliorandone i servizi dedicati e l’inclusione sociale.

L’approccio utilizzato è multiagenzia e multidisciplinare volto a sviluppare e consolidare la rete territoriale di intervento.

L’obiettivo del progetto è il potenziamento delle competenze del personale degli enti pubblici competenti in materia di immigrazione,c on la finalità di innalzare lo standard,in termini di innovazione, dei livelli dei servizi dedicati negli stessi enti, anche con riguardo alla più ampia programmazione del welfare.

In particolare si propone di rafforzare la capacità di lettura dei contesti sociali nei quali si innestano i processi di governance multilivello, in un’ottica multidisciplinare, economica,giuridica,sociologica e politologica, consolidare le capacità di analisi,monitoraggio, valutazione dinamiche dei fenomeni migratori nei territori, mediante l’acquisizione di metodologie di osservazione dinamica della realtà sociale e di capacità di risposta adattiva ai fabbisogni sociali espressi e latenti, potenziare le capacità di programmazione,gestione integrata ed erogazione dei servizi pubblici rivolti ai cittadini stranieri in forma unitaria e semplificata,migliorare il coordinamento tra i diversi attori ed acquisire abilità tecniche per operativizzare forme di intervento istituzionale in un’ottica multiagenzia (reti miste pubblico/pubblico,pubblico/privato), sviluppare,in simulazione, nuovi modelli (funzionali, organizzativi, erogativi) per favorire l’adozione di metodologie di programmazione e di gestione operativa centrate su approcci multilivello e multidisciplinari, in grado di integrare prestazioni e risorse (pubbliche e private) afferenti

diversi ambiti

Il secondo laboratorio è previsto, nella Sala Consiliare, alle ore 10.00 del prossimo 9 maggio 2022.