RTI Calabria

Scrivi e cerca

Migranti: più vicino deferimento a Corte Ue Paesi est

Condividi
Nuova ‘bacchettata’ di Bruxelles a Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca per il mancato rispetto degli obblighi sui ricollocamenti dei profughi da Italia e Grecia. La Commissione Ue passa infatti alla seconda fase della procedura di infrazione inviando i ‘pareri motivati’. Bruxelles chiede che i tre governi si ravvedano entro un mese. Lo spiega il commissario Ue alla Migrazione Dimitris Avramopoulos. Se i tre Paesi non cambieranno atteggiamento, l’ultima fase della procedura prevede il deferimento alla Corte Ue.

A giugno il ritmo delle ‘relocation’ dei migranti nell’Ue ha raggiunto livelli record con mille trasferimenti dall’Italia e oltre duemila dalla Grecia, ha spiegato Avramopoulos. Secondo i dati, i ricollocamenti effettuati ad oggi, sono in totale 24.676, di questi 16,803 dalla Grecia e 7.873 dall’Italia.

Avramopoulos ha poi detto che il regolamento di Dublino va cambiato: “Il sistema non è stato disegnato per situazioni eccezionali, per questo la Commissione Ue propone un loro completo cambiamento, per affrontare tali circostanze nel futuro”.

Passi avanti anche sulla Libia, che “sarà presto nella posizione di dichiarare la sua area di ricerca e sicurezza (Sar) con l’aiuto di Italia e della Commissione” Ue. “Cominciamo a vedere arrivare dei contributi” ma, avverte, serve maggiore impegno. La Sar (Search & rescue), è l’area di competenza di un paese per la ricerca e il soccorso in mare.