RTI Calabria

Scrivi e cerca

Gioia Tauro, il Golgota dei portuali

Condividi

Il Golgota davanti ai cancelli del porto di Gioia Tauro. Tre croci sono state piantate dai lavoratori in sciopero tra le inferriate dove i sogni di occupazione rischiano di spezzarsi.
E’ questa la celebrazione del Venerdì Santo dei portuali di Gioia Tauro “tra rabbia e memoria” dicono. L’astensione dal lavoro, da quasi tre giorni, è stata attuata per protestare contro i 400 licenziamenti e, in questa giornata particolare per le comunità della zona che vivono riti religiosi e di pietas popolare assai sentiti assume così un significato particolare che va al di là della lotta sindacale. Il rischio che lamentano le maestranze di Mct in sciopero è quello della “morte sociale perché i licenziamenti previsti danno incertezze per il futuro”.
E con le croci tra le inferriate le tute blu di Gioia Tauro sperano di allontanare gli spettri della sofferenza e della mancanza di stabilità delle famiglie assumono un significato davvero nuovo.