RTI Calabria

Scrivi e cerca

Un centro polivalente per autismo e disabilità nella macroarea territoriale di Crotone

Condividi

Un centro polivalente per autismo e disabilità nella macroarea territoriale di Crotone

Procede spedito l’iter per del Centro polivalente per autismo e disabilità per persone tra i 14 e i 40 anni.

Dopo la fase di valutazione e co-progettazione in sinergia con comuni dei territori interessati, nel corso dell’ultima seduta, la conferenza dell’Ambito sociale di Crotone, capofila del raggruppamento degli Ambiti che comprende Cirò Marina, Mesoraca e San Giovanni in fiore, ha definitivamente approvato il progetto dell’associazione “Gli altri siamo noi” e della sua nutrita rete partenariale.

I passaggi successivi delle prossime settimane saranno quelli della deliberazione in sede di conferenza di macroarea e sottoscrizione della convenzione per l’avviamento dei servizi.

Il progetto del Centro polivalente è tanto innovativo quanto sperimentale e si concretizzerà grazie a un finanziamento regionale specifico.

L’idea di fondo è quella di favorire percorsi di inclusione nella vita sociale, diretti a supportare esperienze di vita autonoma con uno sguardo alla formazione e un accompagnamento in esperienze di lavoro.

I destinatari del servizio potranno contare su progetti individuali che mireranno a riconoscere le abilità residue, orientare e formare al lavoro, attivare stage e tirocini formativi, incrementare le competenze per la vita indipendente.

Le proposte, le azioni, gli interventi, saranno quindi adeguate ai profili, alle potenzialità dei destinatari, alle loro attitudini e desideri, in considerazione delle opportunità territoriali esistenti e di quelle che possono essere attivate dalla rete del partenariato.

Intorno al Centro Polivalente è stata costituita un’importante e qualificata rete di partner, fatta di soggetti pubblici e soggetti privati, in grado di operare in tutti i contesti della macro area interessata.

E’ un progetto importante per noi, come per tutti i comuni coinvolti, perché sperimenta un nuovo approccio a bisogni che spesso non trovano risposte e soprattutto si propone di farlo mettendo in sinergia diverse competenze e responsabilità. Un approccio che ribalta quello tradizionalmente “assistenziale” evidentemente insufficiente. Incidere sulle attitudini individuali, favorire l’acquisizione di competenze e accompagnare verso una maggiore autonomia, libera energie positive per tutta la comunità territoriale di riferimento. Quello che oggi è un progetto sperimentale potrebbe in poco tempo trovare una programmazione più strutturata e stabile. Ricordo che contestualmente gli Ambiti sociali di Crotone e Cirò Marina sono impegnati nella progettazione, già ammessa a finanziamento, sulla linea di azione del PNRR che attiene proprio alle disabilità e gioca un ruolo importante nella stessa direzione di inclusione e percorsi di vita autonoma” dichiara l’assessore alle Politiche Sociali Filly Pollinzi