RTI Calabria

Scrivi e cerca

Crotone: Prosegue l’impegno della Commissione Pari Opportunità sul tema della sindrome Pandas/Pans

Condividi

Prosegue l’impegno della Commissione Pari Opportunità, presieduta dalla consigliera Carmen Giancotti, e si continua a tenere alta l’attenzione sulla Sindrome Pandas/Pans, malattia subdola che colpisce i bambini e gli adolescenti, provocando disturbi neuropsichiatrici infantili autoimmuni associati ad infezioni da streptococco.

Ieri sera è stata ospite della Commissione la dott.ssa Cristiana Maria Giungato, che si è laureata presso l’Università della Calabria con una tesi sulla sindrome e le metodologie di intervento pedagogico.

E’ una delle prime tesi in Italia su un argomento così pregnante ed allo stesso tempo ancora misconosciuto.

Nel corso della riunione, alla quale ha partecipato una delegazione del Comitato Italiano Genitori Pans Pandas Bge di Crotone e in collegamento da Parma la dott.ssa Stefania Lesso del Comitato Nazionale, la dott.ssa Giungato ha avuto occasione di illustrare alle componenti della Commissione il lavoro svolto che analizza un disordine neuropsichiatrico autoimmune che interessa i bambini e che conferma essere ancora poco conosciuto.

L’interesse sull’argomento, come ha spiegato la dott.ssa Giungato, sulla stessa linea della Commissione Pari Opportunità, nasce proprio dalla necessità di sollevare il problema e renderlo il più possibile condiviso.

Nel realizzare la tesi la dott.ssa Giungato si è basata su diversi metodi di studio e di osservazione del bambino servendosi di numerose tipologie di approccio scientifico – pedagogico.

La tesi si pone come un ulteriore elemento per approfondire la questione e porre l’accento sulla necessità di ricercare nuove metodologie che permettano ai bambini e alle famiglie di contrastare questa patologia.

La presidente Giancotti nel ringraziare la dott.ssa Giungato e complimentarsi con la stessa anche a nome della Commissione per il lavoro svolto ha evidenziato come questa tesi si inserisce perfettamente nella battaglia che la Commissione sta conducendo per evidenziare la necessità di “fare rumore”, come recita lo slogan dell’associazione Genitori Pans/Pandas, su un tema così importante.