RTI Calabria

Scrivi e cerca

Crotone: Domenica 27 marzo 2022 il Museo archeologico nazionale di Capo Colonna riaprirà al pubblico dopo un periodo di importanti e complessi lavori di manutenzione.

Condividi

Domenica 27 marzo 2022 il Museo archeologico nazionale di Capo Colonna riaprirà al pubblico dopo un periodo di importanti e complessi lavori di manutenzione.

Fra i principali siti archeologici della Calabria, l’area di Capo Colonna è da sempre legata alla storia di Crotone e sta progressivamente marcando la sua risonanza come uno dei grandi attrattori dell’Italia meridionale. In tale prospettiva, negli ultimi anni il Museo si è proposto di offrire ai visitatori un’esperienza sempre più coinvolgente, per meglio comprendere il ruolo centrale avuto dal santuario di Hera Lacinia nella storia dell’antica città di Crotone e dell’intero bacino mediterraneo.

Il Museo è stato realizzato nel 2006, sulla base di un complesso progetto degli architetti Italo Insolera e Paolo Spada Compagnoni Marefoschi che ha investito un insieme di problematiche a partire da quelle più generali del territorio. Nella struttura il percorso espositivo è articolato in tre sezioni, all’interno di ampie sale open-space disposte su un unico piano a livello strada, privo di barriere architettoniche. È adiacente all’area archeologica per esaltare il legame tra storia, archeologia, natura e paesaggio sul promontorio che gli antichi Romani consideravano sacro limite del golfo di Taranto e i Greci veneravano quale uno dei principali centri mediterranei, consacrato al divino e destinato a rivelarne il soprannaturale per la sua peculiare collocazione geografica.

La riapertura del Museo prelude ad ulteriori novità che potremo apprezzare nei prossimi mesi. Alle ore 11,00 sarà intanto possibile partecipare ad una visita guidata dal direttore dott. Gregorio Aversa, che si svolgerà nel rispetto della normativa anti Covid-19.

Nel pomeriggio della stessa domenica 27 marzo, presso il Museo archeologico nazionale di Crotone (via Risorgimento) si terrà una conversazione sul tema “Dante e la medicina, un rapporto privilegiato” per commemorare il DanteDì (25 marzo) giorno dell’anno dedicato al padre della lingua italiana che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia. Assieme al Direttore Aversa ne parleranno il prof. Francesco Lopez (Accademia di storia dell’arte sanitaria) e la prof. Antonella Cosentino (Società Dante Alighieri, sezione Crotone). L’incontro sarà anche in diretta Facebook sulla pagina @MuseoArcheologicoCrotone.