RTI Calabria

Scrivi e cerca

ESECUZIONE DECRETO DI APPLICAZIONE DELLA MISURA DELL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DEI BENI CONNESSI AD ATTIVITA’ ECONOMICHE E DELLE AZIENDE NEI CONFRONTI DI UNO DEI MAGGIORI ISTITUTI DI CREDITO OPERANTE SUL TERRITORIO CALABRESE.

Condividi

In data odierna, militari della Guardia di Finanza del Nucleo Speciale Polizia Valutaria e del Comando
Provinciale di Crotone, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, hanno dato esecuzione ad
un decreto di applicazione della misura dell’Amministrazione giudiziaria dei beni connessi ad attività
economiche e delle aziende, nei confronti di uno dei maggiori istituti di credito operante sul territorio calabrese.
Si tratta di un provvedimento di natura cautelare, adottato ex art. 34 D.lgs. 159/2011 (c.d. “Codice Antimafia”)
dal Tribunale di Catanzaro, sulla base delle indagini svolte dalle Fiamme Gialle.
In particolare, attraverso le investigazioni è stato ricostruito come la banca sarebbe stata lo strumento grazie al
quale esponenti di spicco della ‘ndrangheta, anche indirettamente, avrebbero: avuto libero accesso all’utilizzo del
sistema bancario; beneficiato di forme di agevolazione che la banca riconosce ai propri soci (quali ad esempio
apertura di conti corrente, erogazione di credito, investimento di capitali); partecipato alla vita sociale attraverso
l’espressione del consenso sulla elezione degli organi sociali; eluso le stringenti maglie della normativa
antiriciclaggio, agevolati dalle modalità di gestione, a tutti i livelli, dell’istituto di credito (ad esempio attraverso
l’assegnazione alla clientela di un basso livello di rischio di riciclaggio, la compilazione lacunosa di questionari
di adeguata verifica nei confronti dei clienti e l’omessa segnalazione di operazioni sospette nonostante ne
ricorressero i presupposti).
Il contenuto e lo scopo della misura, particolarmente rilevante in quanto eseguita nei confronti di un Istituto di
credito con una significativa estensione in termini di raccolta ed impieghi, è anzitutto quello di tutelare la
clientela “sana” della banca, realizzando un programma di sostegno e risanamento dell’attività di impresa,
finalizzato a rimuovere le situazioni esponenziali dell’infiltrazione della criminalità organizzata e degli altri
soggetti pericolosi nell’azienda.
L’Autorità Giudiziaria ha concesso il nulla-osta alla divulgazione della notizia agli organi di informazione in
ottemperanza alle disposizioni di cui al D.Lgs. 188/2021.
Il provvedimento è stato emesso sulla base delle acquisizioni probatorie allo stato effettuate e che, essendo in
attesa di giudizio definitivo, vale la presunzione di non colpevolezza delle persone fisiche e giuridiche coinvolte.