RTI Calabria

Scrivi e cerca

Covid: il punto in Calabria

Condividi

Cresce pressione su ospedali, +25 ricoveri. Quattro le vittime

Si fa sempre più pesante la pressione del Covid sulle strutture ospedaliere della Calabria.Nelle ultime 24 ore, sono stati 25 i nuovi ingressi nei reparti di area medica di pazienti Covid.

Attualmente sono dunque 256 i ricoverati su un totale di posti letto – secondi i dati Agenas – di 997. Il che si traduce in un tasso di occupazione di circa il 25%, 5 punti sotto la soglia critica indicata quale uno dei parametri per il passaggio in zona arancione. Ben 19 dei 25 nuovi ricoverati sono nel reggino, la provincia che anche secondo il monitoraggio settimanale della fondazione Gimbe è quella più colpita dalla quarta ondata avendo 333 nuovi casi ogni 100mila abitanti nella settimana 15-21 dicembre. Stabili, invece, le cifre delle terapie intensive dove i degenti sono 28, uno in meno rispetto a ieri. Ancora alto anche il numero delle vittime, quattro nelle ultime 24 ore con il totale che si aggiorna a 1.567.
Sul fronte contagi giornalieri, la Calabria resta sopra quota 600. Oggi sono 691 (ieri 676) con 9.267 tamponi fatti ed un tasso di positività del 7,46 contro il 7,09 di 24 ore fa. I casi attivi sono 9.624 (+330), gli isolati a domicilio 9.340 (+306) ed i nuovi guariti 357.
La diffusione della pandemia è confermata anche dalla Fondazione Gimbe che nel proprio monitoraggio riferito alla settimana 15-21 dicembre rileva un incremento dei nuovi casi del 45,1% e una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi al Covid per 100.000 abitanti, 470.
I calabresi che hanno completato il ciclo vaccinale, intanto, riporta Gimbe, sono il 72,5% contro una media nazionale del 77,9%, a cui aggiungere un ulteriore 3,2% (media Italia 3,1%) solo con prima dose. Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è del 43,7% con una media Italia del 51,2%.
Per contenere la pandemia, intanto, i segretari di Cgil e Filcams Calabria, Angelo Sposato e Giuseppe Valentino, hanno chiesto al presidente della Regione Roberto Occhiuto di “chiudere i Centri Commerciali e le attività di distribuzione nei giorni festivi” sollecitandolo ad “emanare una specifica ed urgente ordinanza al fine di tutelare la salute pubblica e la sicurezza di cittadini e lavoratori calabresi”. (ANSA).