RTI Calabria

Scrivi e cerca

COISP MOSAP: Squadra Mobile di Crotone smantella ‘’Agenzia di Viaggi’’ per migranti.

Condividi

Questa segreteria sindacale provinciale non può che complimentarsi con tutti i componenti della Squadra mobile di Crotone che in collaborazione con altre forze di Polizia, ha smantellato un traffico di migranti sulla rotta balcanica con 29 arresti, 16 in Italia prevalentemente Curdo Iracheni, i quali, sono accusati di associazione transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e riciclaggio di denaro, i poveri migranti oltre a mettere a repentaglio la vita loro e dei loro cari (vive nella memoria di tutti noi sono ancora presenti le strazianti scene del naufragio di Cutro), dovevano pagare in media più di 10.000 Euro per il viaggio in veliero quasi sempre fatiscente, dalla Turchia.

I Poliziotti della Squadra Mobile di Crotone, hanno appurato che gli arrestati, pur con compiti diversi, avevano un unico obbiettivo far giungere i migranti in Italia sfruttando la rotta marittima con destinazione finale centro nord Europa. Gli stessi migranti effettuavano video che poi giravano agli scafisti per scopo promozionale, che successivamente postavano sui social a scopo pubblicitario per promuovere tale associazione e reperire altri migranti.

L’indagine ha avuto inizio nel 2018 in occasione di uno sbarco avvenuto a Torre Melissa, da li gli operatori della Squadra Mobile hanno iniziato a unire i tasselli e a collegare circa 30 sbarchi nei successivi anni sulle coste calabresi e pugliesi, che hanno fatto emergere una base logistica in Grecia e Turchia; i trafficanti organizzavano la tratta sin dai paesi di origine per poi imbarcare i migranti in Turchia per poi farli sbarcare sulle coste italiane, una volta giunti in Italia c’era un’altra organizzazione ad attenderli che, dopo pagamento sempre a mezzo di banche online o con Money transfer, tramite bus treni o taxi li mandavano a Trento, Milano o Ventimiglia, a secondo dello stato Europeo di arrivo che i migranti sceglievano.

Oggi questa ORGANIZZAZIONE SINDACALE esprime parole di elogio per tutti i colleghi intervenuti per aver smantellato questa associazione criminale che senza scrupolo o rimorso, metteva a repentaglio la vita di migliaia di persone, solo per potersi arricchire sfruttando la disperazione di queste povere persone.