RTI Calabria

Scrivi e cerca

L’intelligenza artificiale impara ad ‘ascoltare’ i terremoti

Condividi

L’intelligenza artificiale impara a riconoscere la ‘voce’ dei terremoti: analizzando i segnali acustici emessi dalle faglie ricreate in laboratorio, è in grado di stimare il tempo che manca all’evento di rottura che scatena il sisma artificiale. Il risultato è pubblicato su Geophysical Research Letters dai ricercatori del Laboratorio nazionale di Los Alamos nel Nuovo Messico, e in futuro potrà avere importanti applicazioni, non solo per la previsione dei terremoti, ma anche per le valanghe e i test di collaudo dei materiali industriali.
“In qualsiasi momento, il rumore proveniente dalla zona di faglia ricreata in laboratorio fornisce delle informazioni quantitative sul momento in cui la faglia scorrerà”, spiega il coordinatore della ricerca, Paul Johnson. “La novità del nostro lavoro è l’impiego dell’apprendimento automatico (machine learning) per scoprire e comprendere una nuova fisica della rottura, attraverso l’analisi dei segnali acustici registrati nell’allestimento sperimentale. Credo che il futuro della fisica dei terremoti si baserà sempre di più sull’apprendimento automatico per processare grandi quantità di dati sismici grezzi. Il nostro lavoro – conclude – rappresenta un importante passo avanti in questa direzione”.