Ue conferma stime Pil Italia, +0,1 nel 2019 e +0,7 nel 2020

Nuove previsioni invariate rispetto alla primavera
A file photo dated 25 February 2013 showing employees assembling motorcycles at the BMW??motorcycle factory in Berlin, Germany. German industrial orders fell sharply in July following a plunge in demand in the eurozone, data released 05 September 2013 showed. Monthly factory order books slumped by 2.7 per cent after surging by 5 per cent in June, the Economics Ministry said. The July drop was almost three times bigger than the decline forecast by economists. The ministry also revised upward the June increase from a previously estimated of 3.8 per cent. Orders from the 17-member eurozone fell by 7.5 per cent in July, almost cancelling out the 8.8-per-cent rise in June. Orders from outside the eurozone fell 2.6 per cent in the same month. ANSA/MAURIZIO??GAMBARINI

Le previsioni economiche che la Commissione Ue pubblicherà domani, salvo sorprese dell’ultima ora, confermeranno quanto già fotografato in quelle di maggio, ovvero una crescita che per l’Italia si fermerà a 0,1% per il 2019 e salirà fino allo 0,7% l’anno prossimo. E’ quanto apprende l’ANSA da fonti Ue.

Le previsioni economiche d’estate della Commissione europea avranno soltanto il dato del Pil e quello dell’inflazione, perché si tratta di “stime intermedie” pubblicate due volte all’anno. Per avere quelle complete di tutti i dati bisognerà aspettare novembre, con le previsioni d’autunno. I numeri di domani conterranno pochi ritocchi alla crescita dei Paesi dell’Eurozona rispetto a quelle di maggio. Come anticipato dal vicepresidente Dombrovskis, tutti cresceranno ma con ampie differenze. L’Italia, a maggio, con lo 0,1% si confermava fanalino di coda della Ue. La crescita della zona euro era a 1,2% per il 2019 e 1,5% per il 2020, e dovrebbe rimanere sostanzialmente invariata.

News Correlate