Se il patriarcato diventa classe dirigente

Nota stampa dell'associazione Nuove Narrazioni in merito al dibattito sulla doppia preferenza di genere.

Sono giorni difficili da ingoiare, una donna a Reggio Calabria lotta per sopravvivere alla bestialità di un ex marito. Intanto i casi di femminicidio non accennano a diminuire e meno di 24 ore fa a Cosenza è stato arrestato un orco che abusava di una ragazzina. Le donne sono sotto attacco: bruciate, abusate, umiliate da un Consiglio regionale che associa la rivendicazione di un diritto ad una rimostranza da ultras. I fatti non sono affatto scollegati, anzi. C’é da augurarsi che non ci si stanchi a combattere su tutti questi fronti: dalla messa in discussione dei diritti acquisiti, al DDL Pillon che mortifica soprattutto le donne che decidono di separarsi per scappare dalla violenza, un decreto frutto del piu becero patriarcato divenuto classe dirigente. Da quando è in carica questo governo, evanescente e litigioso sulle questioni cruciali come la Tav, l’obiettivo è sempre e solo stato la limitazione dei diritti acqusiti. Si patrocinano e presiedono iniziative pubbliche, come quella di Verona, in cui viene attaccata la Legge 194, vengono demonizzati i gay e ridicolizzata la comunita Lgbti; viene dato spazio e potere al fantomatico Movimento per la famiglia tradizionale, un movimento atistorico che non tiene conto della complessita delle famiglie di oggi. La portata innovativa della Legge Cirinnà e l’accettazione delle famiglie arcobaleno é stata completamente vanificata da questa ondata di oscurantismo becero, eppure stiamo parlando di esseri umani, di donne, uomini e bambini che, anche se qualcuno fa finta che non esistano, ci sono e chiedono legittimita e rispetto. Anche in merito alla violenza contro le donne, ci si limita a qualche voce isolata che si leva dal governo a condannare il gesto, quando il carnefice è straniero, mentre un silenzio assordante ed una assenza completa di provvedimenti coinvolge gli altri casi. Come si combatte questa violenza? Educando le giovani generazioni al rispetto dei sentimenti e delle liberta individuali. Avete letto che il Governo si sta impegnando in qussti senso? No. Ma se qualche iniziativa viene presa da scuole o iniversità, si evoca lo spettro inesistente del “gender”. E intanto le donne continuano a morire di femminicidio e le ragazzine ad essere stuprate, con motivazioni di giudici che lasciano perplessi con espressioni come “tempeste emotive” o giudizi estetici sull vittima per scagionare il carnefice. In tutto cio cosa c’entra la mancata approvazione della doppia preferenza di genere in Consiglio regionale? C’entra eccome! In un momento storico cosi complesso ci si aggrappa a cio che c’è già, come la Legge 20 del 2016, che garatisce la possibilita di esprimere la doppia preferenza di genere nella legge elettorale. Una legge nata da anni di lotte e di rivendicazioni, una legge già inserita nelle leggi elettorali della maggior parte delle regioni italiani, tranne in Calabria. La nostra terra sconta anche questo ritardo quindi non si può non gioire quando finalmente, dal 2015, data di inizio dell’iter della legge in commissione, arriva nel 2019 in consiglio la Legge Sculco “Promozione della parità di accesso tra uomini alle cariche elettive regionali”. Gia a Settembre si tentò di discutere la legge in Consiglio, ma le tante “perplessità” di alcuni consiglieri spinsero ad un primo rinvio. Dopo richieste, proteste e rivendicazioni, dopo una proposta di legge elaborata e votata dal consiglio comunle della citta capoluogo, l’11 Marzo viene calendarizzata la Legge Sculco. L’esito di quel consiglio è stato l’ennesimo rinvio ma quello che ha più ferito sono state le dichiarazioni dei singoli consiglieri che andrebbero trascritte e inserite come esempio di definizione del patriarcato istituzionale. Non è tanto il voto contrario o a favore, sono le parole, pesanti come macigni che lasciano trasparire non tanto mncanza di empatia, ma mancata conoscenza dei temi legati alla rivendicazione di diritti, alll’evoluzioni delle politiche di genere che partono da lontano e affondane le radici nelle democrazie più illuminate e civili come quelle dei paesi del nord europa, tra i primi ad adottare la doppia preferenza accostata ad un welfare più rispettoso della volonta di donne lavotrici e ideatrici del congedo parentale anche per il papà. Una societa che ha consentito alle donne di sfondare quel famoso tetto di cristallo, ha costituito da sempre un modello d seguire ed emulare. Negli ultimi anni non solo la legge 20 ma anche la legge Golfo-Mosca ha consentito alle donne di abbattere degli ostacoli nel mondo del lavoro che le relegava a ruoli sempre piu marginali e non apicali. Questa influenza scandinava ha spinto negli anni scorsi i partiti ad attuare forme di facilitazione perl’accesso delle donne alle cariche effettive, imponendo refolamenti che prevedevano liste con alternanza di genere. Tutto ebbe inizio con la legge 215 del 2012 che ha introdotto una serie di misure con il chiaro scopo di favorire l’equilibrio di genere nei comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti. Altra norma importante in questo senso è stata la cosiddetta Legge Delrio del 2014 che impone ai comuni al di sopra dei 3.000 abitanti la composizione di giunte comunali dove nessuno dei due sessi possa essere rappresentato in misura inferiore al 40%.
Bene, tutta questa stagione di diritti rischia di essere bloccata da questa classe dirigente, nazionale e regionale, autoreferenziale e irrispettosa. Nella seduta dell’11 abbiamo assistito all’evocazione di termini come “starnazzanti” riferito al pubblico femminile legittimimante adirato o al paragone con gli ultras, come se rivendicare un diritto fosse assimilabile al tifo. Si pretende di interpretare i sentimenti di tutte le donne, auspicando una sorta di scala di priorità tra diritti: l’accesso alle cariche elettive o le mammografie. Chi puo dire che gli altri temi all’ordine del giorno siano più importanti della Legge Sculco? Chi puo arrogarsi il diritto di parlare per nome e per conto delle donne affermndo che questo tema ha il consenso interessato solo di chi ambisce a candidarsi? E se anche fosse cosi, questo non merita spazio nella tanto indaffarata agenda di questo consiglio? Perche paragonare le elezioni provinciali a quelle regionali, posto che alle provinciali non eiste doppia preferenza e tante donne preferiscono non essere delle semplici prestanome? Perche l’impeto legislativo di alcuni consiglieri si riscopre priorio in questo periodo, quando è in discussione la legge Sculco?! Che senso ha la terza preferenza alle elezioni refionali, che non hanno nulla a che vedere con le elezioni regionali, visto che in quest’ultimo caso si parla di collegi mastodontici, come ha spiegato bene il Presidente Oliverio? E perchè i consiglieri indignati per la mancata “condivisione” della legge non hanno utilizzato le proprie prerogative, provando a modificarla con la proposta di emendamenti in commissione? E ancora…nel frattempo, dal primo rinvio al secondo, perchè non si é provato o chiesto di emendare o rivedere la legge? Il sospettto è che si sperava che la legge non venisse piu richiamata dal Presidente Irto, ed è talmete palese ed evidente da sorridere di fronte a toni alterati o rivendicazioni di mancanza di rispetto. E’ tutto un teatrino che nin solo non ha tenuto in debita considerazione l’obligo formale di adeguamento alla legge nazionale, per come spiegato magistralmente dal Prof. Nocito qualche giorno prima, ma che ha mostrato la grettezza di una clsse politica (non tutta) che mira a garantire se stessa o che rivendica come un successo l’aver messo in minoranza l’attuale maggioranza di centro sinistra…sempre tutto sulla pelle delle donne. Non sono bastati gli appelli di leader o parlamentari nazionali, non è bastato l’accorato appello di Oliverio, di Sebi Romeo, di Artuto Bova e Giuseppe Giudicendrea, questi ultimi tra i piu accaniti sostenitori della legge, oltre alla proponente Sculco, che ha spiegato molto bene cosa si stava andando ad approvare. Si è replicato lo stesso disegno, gli stessi mal di pancia, il pretesto di fare opposizione dalla magioranza sempre e solo sulla pelle delle donne. Appuntamento ora al 25, quando ci saremo tutte, e non ci saranno più alibi o freni inibitori. Nuove Narrazioni sarà in consiglio e se la legge non dovesse essere approvata fara semtire la propria voce, anche correndo il rischio di passare per “ultras piu o meno brave”.

News Correlate