Riflessione politica di Gianluca Cuda Segretario Provinciale Pd di Catanzaro dopo la presentazione de libro di Minniti

La presentazione del libro “Sicurezza è libertà” di Marco Minniti  a Catanzaro, è stata l’occasione per riflettere a tutto campo sul clima di rabbia e di paura che nel...

La presentazione del libro “Sicurezza è libertà” di Marco Minniti  a Catanzaro, è stata l’occasione per riflettere a tutto campo sul clima di rabbia e di paura che nel paese ha preso il sopravvento dopo il 4 di marzo,  per reagire e superare questo stato di cose.

Ritorno di proposito su questo incontro,  e lo faccio per sottolineare la qualità della riflessione  che ho avuto modo di ascoltare, e che, a distanza di qualche giorno mi è rimasta impressa, coinvolgendo, non solo Marco Minniti, l’arcivescovo monsignor Vincenzo Bertolone, quest’ultimo protagonista di una  pregevolissima analisi sociale e il giornalista Filippo Veltri, ma anche i tanti presenti alla presentazione del libro, molti dei quali gruppi dirigenti non provenienti dalla politica  che operano quotidianamente  in Calabria e nella provincia di Catanzaro.

Il risultato è stato sorprendente, per una volta abbiamo visto la politica che interroga criticamente se stessa, che recupera lenti per leggere la realtà e si sforza di capire, cogliendo la consapevolezza della gravità del dato attuale, tanto da non escludere pericolose  strade autoritarie e antidemocratiche.

Da qui il senso nuovo di responsabilità , che deve indurre il Pd e la sinistra ad una riconsiderazione di sé, ad un andare oltre e creare condizioni  nuove per ritornare a parlare, o per dirla con Marco Minniti, per tornare a “comunicare”  con il paese e con la sua gente, tenuto conto della  “frattura sentimentale”  prodotta.

Urgente quindi ritornare ad una battaglia delle idee da combattere corpo a corpo nella società per riprendere ruolo e identità, sintetizzata nella cruda domanda: “se non è più la sinistra a difendere i ceti sociali più deboli ed esposti, chi altri lo può fare?”.

Tali interrogativi coinvolgono tutti i democratici quotidianamente, e ci costringono a riconsiderare il nostro agire politico, permeandolo di un senso di solidarietà e di comunità più forte favorendo il coinvolgimento e la libera espressione della opinione di tutti. Abbiamo la necessità di includere potenza sociale, contributi personali, recuperando uomini e donne che hanno deciso di  allontanarsi perché si sono sentiti traditi.

Il prossimo congresso questo deve essere. Non il prevalere di un candidato sull’altro, l’ennesima disputa sulle persone, magari attraverso l’inutile ostentazione muscolare di ricerca di firme,  ma come un tentativo di tornare a comunicare all’esterno per rimarginare la ferita sentimentale con il nostro popolo. La vera discontinuità in Calabria, parola che spesso viene usata in maniera audace, è questa. Altrimenti si avrà dato modo di non aver capito nulla della lezione che ci è stata data e rischiare una ulteriore rovinosa ripetizione del 4 marzo.

News Correlate

  • Aggredito e rapinato, due arresti

    I carabinieri della Stazione di Reggio Calabria Principale hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza del gip su richiesta della Procura, Sangare Bangali, di 28 anni, ivoriano, già noto alle...
  • Don Ciotti, memoria sia responsabilità

    “Lo sentiamo, sentiamo la sua voce graffiante. Lui continua a parlare, a gridare. Ma c’è bisogno di continuità, perché quello che conta è la memoria viva che si traduce...
  • Perseguita e aggredisce donna, arrestato

    Ha perseguitato per mesi una donna arrivando ad aggredirla per strada. Episodio dopo il quale, grazie anche alla legge sul “codice rosso”, l’uomo, un 40enne di Serra San Bruno,...
  • Sequestrati fanghi depuratori

    I carabinieri forestale di Corigliano hanno controllato gli impianti di depurazione comunali di Francavilla Marittima e Cerchiara di Calabria constatando alcune irregolarità e sequestrando i fanghi degli impianti. In...