PRECISAZIONI DEGLI AVVOCATI DEL VESCOVO NUNNARI

Gli Avv. Enzo Paolini e Giuseppe Farina giornalisti hanno messo in scena la spettacolarizzazione del dolore di una madre

n qualità di legali del Monsignor Salvatore Nunnari, riteniamo doveroso fare delle precisazioni in merito alla deplorevole vicenda nella quale è stato indebitamente coinvolto l’Arcivescovo.
Come tutti ormai saprete, il servizio delle Iene del 14 febbraio scorso raccontava la storia di una ragazza, Francesca, la cui “colpa” sarebbe stata quella di avere una relazione con un prete, ed il cui rimpianto sarebbe quello di aver dovuto rinunciare ad un figlio perché indotta ad abortire.
La ragazza indicava come responsabili dell’induzione all’aborto il prete stesso, ma anche Monsignor Nunnari, al quale si era rivolta per chiedere conforto.
Se fosse vero, non avremmo potuto obiettare; l’esercizio del diritto di cronaca è sacrosanto, purchè esercitato in modo oggettivo e asettico, scevro da ogni risentimento ideologico o personale.
Ma così non è stato.
Ciò che ci ha colpito, infatti, nell’assumere la difesa di Mons. Nunnari non sono state tanto le dichiarazioni di una persona mortificata e sofferente (che, in ogni caso, e una volta per tutte, destituiamo di ogni fondatezza. È bene ribadirlo per fugare definitivamente ogni dubbio: Monsignore Nunnari non ha mai invitato, consigliato, suggerito, e comunque indotto alcuno, né tantomeno la signora in questione, a sottoporsi alla pratica dell’interruzione volontaria di gravidanza), quanto la strumentalizzazione che ne è stata fatta da parte degli inviati de Le iene.
Dopo aver parlato con la sedicente Francesca, (il nome usato è di fantasia per celare la vera identità) le inviate si recavano dapprima da un prete definito parroco di una parrocchia vicina, e poi da Monsignore Nunnari. In nessuno di questi due incontri emergevano conferme di alcun tipo in merito alle dichiarazioni della signora, eppure le giornaliste Mediaset prendevano apertamente posizione contro Monsignor Nunnari senza alcuna verifica sulla sua effettiva condotta, disvelando un sentimento di avversione e un pregiudizio tale da mettere in seria discussione la loro buona fede, peraltro venendo, con ciò, meno alla regole del buon giornalismo.
Le Iene hanno messo in scena una spettacolarizzazione del dolore di una madre che ha perduto suo figlio, per indurre il pubblico a condannare senza processo Monsignor Nunnari, esposto come un non degno rappresentante della Chiesa nell’ambito di una narrazione condotta al solo scopo di creare scalpore mediatico intorno ad una figura notissima e rispettata in tutto l’ambiente clericale e civile.
Per questo abbiamo consigliato Monsignor Nunnari a dar corso alla denuncia per diffamazione.
La Giustizia, come si dice, farà il suo corso e stabilirà se le condotte delle inviate della nota trasmissione siano state corrette e se siano incorse nel reato di diffamazione o altro.
Non è questo, dunque, il motivo di questa dichiarazione per la stampa.
Il fatto è che nel corso dell’esecuzione dell’incarico ricevuto siamo giunti ad alcune certezze oggettive delle quali daremo conto alla Magistratura da noi adita, ma anche all’opinione pubblica attraverso gli organi di informazione cui ci rivolgiamo con questo comunicato.
E ciò non per ritornare su una vicenda che andrebbe trattata con la delicatezza, il rigore e la riservatezza dovuti in casi siffatti, ma perché pensiamo che sia giusto fornire nei modi e con il rilievo che ci è consentito e che gli organi di informazione vorranno, alcuni pezzi di verità omessi, o manomessi, dalla improvvida iniziativa con cui Le Iene hanno tentato – peraltro vanamente – di ledere la dignità, il prestigio e la cifra morale di Mons. Nunnari.
Abbiamo motivo di ritenere, in seguito a recenti sviluppi investigativi, che siano state le stesse inviate da Le Iene a contattare la signora Francesca – tramite la sua psichiatra – per indurla a prestarsi al servizio. Riteniamo che la ragazza del video de Le Iene non sia, in realtà, la protagonista della sfortunata vicenda, ma un’attrice chiamata ad hoc per realizzare il servizio.
Così come pensiamo che anche il “prete della parrocchia vicina” sia stato interpretato da altro figurante.
E ciò senza che i telespettatori fossero avvertiti dell’impiego di attori per la ricostruzione televisiva, come deve avvenire in tali casi.
Abbiamo infine la prova che gli accadimenti non sono andati nel modo rappresentato nella trasmissione perché la stessa Francesca, profondamente contrita e rammaricata dalla piega presa dalla vicenda, oltre che per la pessima gestione mediatica da parte de Le Iene, in una lettera scritta di suo pugno, ed in nostro possesso, dichiara, tra le altre cose, di aver incontrato Monsignor Nunnari solamente dopo aver interrotto la gravidanza, smentendo così categoricamente le illazioni e le dichiarazioni fatte anche da lei in seguito alle suggestive ed incalzanti domande delle inviate.
Tale comportamento sottende un intento diffamatorio chiaramente reprensibile sia in sede penale che civile verso cui – come detto – abbiamo già adottato gli opportuni provvedimenti presentando per il momento formale denuncia-querela nei confronti de Le Iene e degli altri soggetti eventualmente di ciò responsabili. Teniamo a precisare, invece, che nessuna querela è stata mossa contro Francesca, alla quale va invece la profonda compassione e sincera vicinanza di Monsignor Nunnari e nostra, in quanto vittima di una vicenda penosa e miserabilmente strumentalizzata.

News Correlate