Piccioni: su progetto S.A.R.A. e idea di città venerdì prossimo occasione di confronto con tutti i cittadini

“L’incontro di venerdì prossimo promosso dall’associazione “Graziella Riga” sarà un’occasione di confronto con tutti i cittadini sul progetto S.A.R.A., a partire dal quale avviare una discussione sulle prospettive della...

“L’incontro di venerdì prossimo promosso dall’associazione “Graziella Riga” sarà un’occasione di confronto con tutti i cittadini sul progetto S.A.R.A., a partire dal quale avviare una discussione sulle prospettive della nostra città, cominciando proprio da quegli interventi già avviati e da rilanciare.

Come è stato già ampiamente messo in evidenza da più parti, i 30 milioni di euro stanziati dal governo per la nostra città non sono piovuti dall’alto all’improvviso a seguito del recente incontro del presidente della provincia al Ministero delle infrastrutture, ma sono il risultato di una importante e qualificata attività di programmazione che ha consentito al nostro Comune sei anni fa, nel 2013, di ottenere il maggiore finanziamento tra tutti i progetti approvati dal governo, nell’ambito del piano nazionale delle città. Nessuna rivendicazione trionfalistica: è un dato di fatto. Ora però tutti insieme dobbiamo pensare al presente e al futuro di Lamezia.

 Non c’è nessuna intenzione di mettere “bandierine” su un risultato importante per tutta la città, né vogliamo scendere nelle solite polemiche campanilistiche tra Catanzaro e Lamezia che non portano da nessuna parte. Un punto però è chiaro: la legge di bilancio 2019 prevede il completamento del piano città e la possibilità da parte del Ministero di nominare un commissario per attuare o completare gli interventi già finanziati.

Rispetto a questa prospettiva, tutti noi dobbiamo interrogarci e far sentire la posizione della nostra città che non può permettersi di affidare una pratica di questa portata nelle mani di un ennesimo commissario, magari portando avanti un’azione completamente “scollata” rispetto alle reali istanze della realtà lametina o chissà magari a favore di altri interessi e di altri territori.

Ringrazio Salvatore Orlando, già dirigente al nostro Comune, che ha seguito nei dettagli l’iter del progetto, che con il suo contributo alla discussione ci consentirà di ricostruire i passaggi che hanno portato a questo importante risultato per la città e le reali potenzialità dell’intervento.

Il progetto SARA riguarda una zona, quella di Savutano, che, dopo i profondi cambiamenti già avvenuti negli ultimi anni che l’hanno reso uno dei quartieri a maggiore densità abitativa della città, andrà ad acquistare un ruolo sempre più rilevante per la vicinanza con il nuovo complesso interparrocchiale “San Benedetto” e  l’area API.

Accanto al progetto SARA, sono tante i progetti già avviati negli anni scorsi da rilanciare per dare subito una “boccata d’ossigeno” a una città purtroppo in uno stato emergenziale su tutti i fronti.

Per questo rivolgo un appello e un invito per venerdì prossimo al Chiostro Caffè letterario a tutte le forze politiche sane e alle realtà associative cittadine, per dialogare e confrontarci su un progetto che chiede, non ad altri o a soggetti terzi, ma alla città nella sua interezza di essere protagonista di un’opportunità strategica per il presente e il futuro. Per riflettere insieme su un’idea di città ripartendo non da promesse o annunci, non da chimere irrealizzabili, ma dai progetti concreti già avviati da rilanciare, perfezionare e mettere in atto”.

News Correlate