NACCARATO, M5S VOLEVA I MIGLIORI PROPONE I PEGGIORI

Ogni giorno che passa il Movimento Cinque Stelle ci riserva una sorpresa ed emerge sempre di più un sommerso agghiacciante che nulla ha a che fare con la grande...

Ogni giorno che passa il Movimento Cinque Stelle ci riserva una sorpresa ed emerge sempre di più un sommerso agghiacciante che nulla ha a che fare con la grande tradizione culturale e politica del nostro Paese. Tra programma elettorale copiato, finti provvedimenti di ritiro di candidati impresentabili, rimborsopoli varie, “parlamentarie” dal dubbio esito, irrisione della sovranità popolare, tentativi di sopprimere il dissenso attraverso la gogna o peggio di abolire la democrazia rappresentativa trasformando i parlamentari in sudditi di una srl privata, emerge uno spaccato davvero sorprendente che deve far riflettere, e molto, i cittadini su cosa potrebbe capitare al nostro Paese se all’indomani delle elezioni il voto di protesta prevalesse, per altro con una immorale speculazione sui bisogni e le difficoltà delle classi più deboli. Di fronte a tutto ciò ci vuole un soprassalto morale, civile e politico da parte di tutti, prima che sia troppo tardi. Per salvare il Paese da un precipizio di inconcludenza e incompetenza che neppure un miracolo potrebbe evitare. Nelle istituzioni dovevano portare i migliori, se non li fermiamo prima, porteranno i peggiori. Così il senatore Paolo Naccarato, candidato in Calabria per il centrodestra.

News Correlate