“Me Ne Vado” di Marcela Serli

Il nuovo appuntamento teatrale, inserito all’interno della XIX Edizione del Festival dell’Aurora “Mediterranean without frontiers”, organizzato da Fondazione Odyssea e da Fabbrica delle Arti, è andato in scena Venerdì...

Il nuovo appuntamento teatrale, inserito all’interno della XIX Edizione del Festival dell’Aurora “Mediterranean without frontiers”, organizzato da Fondazione Odyssea e da Fabbrica delle Arti, è andato in scena Venerdì 22 Marzo presso il Cinema Sala Raimondi.

Il progetto teatrale “Me Ne Vado” di Marcela Serli, è stato vincitore di diversi premi, tra cui il Premio “Emergenze 2009”.

Me Ne Vado è un lungo monologo, che vede la fusione dell’autobiografismo con la narrazione di storie, volutamente stereotipate, che narrano le motivazioni interiori e non, di chi decide di abbandonare la propria terra natia; di chi vuole partire dal proprio paese perché esasperato da condizioni di vita degradanti, dovute alla guerra o a qualche regime dittatoriale.

<< Io racconto la storia della mia famiglia – dice Marcela – e poi racconto tante altre storie, anche se poi lo spettacolo non è improntato molto sulla narrazione, è più un canto sarcastico sul mondo>>.

Uno spettacolo che prende le mosse dalla più classica “stand up comedy”; l’attrice, passa più di novanta minuti a muoversi sul palco, coinvolgendo il pubblico, che diventa a varie fasi parte integrante dello spettacolo. Il cercare di coinvolgere in maniera attiva la platea, che ha apprezzato, nel corso della serata, la performance dell’attrice argentina, ha posto tutti in una sorta di tensione non solo emotiva, ma di attesa, aspettando il prossimo momento in cui avrebbe preso parte fisicamente o anche solo verbalmente allo spettacolo.
Il risultato finale è stato incredibile, cercando di creare una sorta di “drammaturgica in movimento”, la Serli ha fatto sentire tutti i presenti, parte viva e protagonisti di una storia che poi non è per nulla lontana da noi.

<< Ci sono parti che all’interno dello spettacolo sono libere, ed è giusto cosi, perchè il mondo cambia e bisognerebbe quindi aggiornarlo, perchè questa è la storia di come va il mondo >>.

Marcela Serli, crea uno spettacolo con una messa in scena originale dove sia lo spazio che il racconto, è piegato alle necessità di trasmettere una suggestione. Anche l’attrice appare e scompare, tra autobiografia e meta-teatro, con la capacità di passare da momenti di puro intrattenimento a momenti più teatrali, che ne evidenziano le ottime doti di interprete.
Una scelta quasi enciclopedica nella narrazione, un viaggio leggero ma non senza consistenza.

<< La cosa più difficile è che tutti questi argomenti, dalla Shoah al femminicidio ai desaparecidos, stancano la gente, ma noi, ma io con questo spettacolo, non posso non alimentare il popolo, bisogna continuare a dare un buon alimento alla gente. Il pubblico deve essere autore dei propri pensieri, non deve solo vedere della banalità >>.

News Correlate