La XXIV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia

Oltre diecimila persone  a Catanzaro hanno partecipato alla XXIV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia “Orizzonti di Giustizia Sociale” promossa da...

Oltre diecimila persone  a Catanzaro hanno partecipato alla XXIV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia “Orizzonti di Giustizia Sociale” promossa da Libera e da Avviso Pubblico

Anche il Comune di Crotone ha aderito alla manifestazione. A rappresentare l’Ente l’assessore alle Politiche Sociali Alessia Romano che era accompagnata dal vigile urbano Dionigi Mano che ha portato il Gonfalone del Comune lungo il percorso che si è snodato fino a piazza della Prefettura.

Presenti anche rappresentanze dei comuni della provincia di Crotone tra cui il vice sindaco di Cutro Anna Battaglia e il sindaco di Roccabernarda Nicola Bilotta.

Da Crotone sono giunte tantissimi alunni delle scuole cittadine che l’assessore Romano ha voluto salutare e ringraziare per l’impegno.

Presenti anche i rappresentanti dell’associazione “Dodò Gabriele”, guidata dai genitori di Domenico, vittima innocente della criminalità, Francesca e Giovanni.

L’amministrazione Pugliese ha voluto rinnovare la vicinanza alle vittime innocenti della criminalità che, purtroppo anche Crotone piange, ed in particolare a Francesca e Giovanni Gabriele, genitori del piccolo Dodò ucciso da mano assassina mentre giocava su un campetto di calcio.

In piazza della Prefettura, dopo un minuto di silenzio, la lettura dei nomi delle centinaia di vittime della criminalità.

Poi il collegamento con Padova e le parole forti di Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera: “c‘è gente che ha deciso di metterci la faccia e far capire da che parte sta. In questo momento nel nostro paese dobbiamo alzare la voce”.

La presenza di tante persone è significativa. E’ un segnale di forte volontà di cambiamento, di rifiuto del messaggio di morte che arriva dalla criminalità, del profondo sentimento di legalità che soprattutto questi giovani presenti hanno voluto esprimere. Ai giovani dico che non sono soli. Che le associazioni come Libera non sono sole. Che le Istituzioni sono loro vicine” ha detto l’assessore alle Politiche Sociali Alessia Romano

News Correlate