LA CALABRIA COME DUBAI Perché ospitare il Meeting DRV è un’opportunità imperdibile per una regione ad alte potenzialità turistiche

Non lo dice solo la Regione, che si è candidata, ma lo sostengono anche l’Agenzia Nazionale del Turismo (Enit) e la Deutscher ReiseVerband (Drv). Ma, soprattutto, lo dicono le...

Non lo dice solo la Regione, che si è candidata, ma lo sostengono anche l’Agenzia Nazionale del Turismo (Enit) e la Deutscher ReiseVerband (Drv). Ma, soprattutto, lo dicono le incoraggianti statistiche dei flussi turistici nelle località che in passato hanno ospitato il Meeting Annuale della Drv, che vengono immediatamente considerate “trendy” non solo in Germania, ma in tutto il mondo. Perché la Federazione nazionale del turismo tedesca, che riunisce i tour operator, le agenzie di viaggio, le compagnie aeree, le linee ferroviarie, gli hotel, gli autonoleggi è una forza economica davvero importante: i suoi iscritti rappresentano oltre l’85% del fatturato totale nel settore del turismo tedesco. Migliaia di associati, tra cui numerosi fornitori di servizi nell’ambito del turistico, fanno della DRV una comunità forte, che riunisce e rappresenta diversi interessi.

Tanto che la decisione della destinazione della convention annuale DRV è sempre attesa con trepidazione dai paesi candidati, perché si tratta dell’evento più prestigiosodell’industria del turismo tedesco e porta nel paese ospitante, ogni anno, oltre 600 partecipanti, permettendo interscambi e contatti con i decision makers di uno dei più grandi mercati turistici europei. Da questo punto di vista, il meeting DRV ha dimostrato da anni di avere un pesante effetto sul trend del turismo del paese che riesce ad ospitarlo. Per esempio, nel novembre 2012 il congresso si è svolto nel Montenegro. Lo stesso anno il “Lonely Planet” ha designato il paese come la “destinazione più trendy del 2013”.

I congressi annuali del DRV si sono svolti e si svolgono periodicamente in località che sono già destinazioni turistiche privilegiate per i tedeschi oppure hanno il potenziale per diventarlo anche nel breve termine. È provato che il trend dei turisti tedeschi che fanno una vacanza nella regione che ha ospitato un congresso DRV si intensifica. Questo perché i luoghi del congresso annuale del DRV godono dell’effetto del evento negli anni seguenti non solo per una maggior attenzione da parte dei media e dei social media (come blogger) ma anche per il numero di ospiti provenienti direttamente dalla Germania indirizzati dagli stessi operatori che hanno visitato i luoghi durante il meeting. Spesso, infatti, le agenzie di viaggio aggiungono la destinazione nei loro cataloghi.

L’obiettivo del congresso annuale del DRV, oltre alla discussione di temi attuali del settore turistico, è infatti quello di sensibilizzare i responsabili del settore sugli sviluppi e  far conoscere agli operatori il territorio, la cultura e la gente della destinazione ospitante.

Per la Drv, e per l’Enit, non ci sono dubbi che l’evento offra una occasione eccellente per la destinazione Calabria, e per l’Italia. E che essere riusciti a strappare l’evento ad altri candidati forti, come la Turchia, o ad altre regioni come la Sicilia, dà alla Calabria un’opportunità unica, che va colta senza riserve e senza timori.  Perché la regione avrà la possibilità di mostrate ai rappresentanti del turismo tedesco la sua offerta turistica unica.  Il congresso porterà infatti in Calabria rappresentanti importanti del settore del turismo CEO’s del settore turistico, agenti di viaggi, professionisti del turismo, media (giornalisti e blogger) con lo scopo di incanalare tutta l’attenzione del settore turistico tedesco sulla Calabria.

Il mercato tedesco ha una grande forza economica: 33.7 miliardi di euro di fatturato; 26.4 miliardi di euro il movimento complessivo delle agenzie di viaggio. I tedeschi l’anno scorso hanno fatto 70 milioni di viaggi (coloro che in Europa viaggiano di più) e di questi, circa 11.5 milioni hanno scelto l’Italia. Da anni l’Italia è ai primi posti nel ranking delle destinazioni più amate dai tedeschi, subito dopo la Spagna.

News Correlate