Iva: Italia ancora prima in Ue per evasione, perde 36 miliardi

In 2016 terza per divario tra gettito previsto e riscosso, 25,9%
L'emissione di uno scontrino fiscale, in un'immagine d'archivio. ANSA/ STRINGER

Anche nel 2016 l’Italia si conferma prima in Ue per la più grande evasione dell’Iva in valore nominale, con perdite per le casse dello stato di 35,9 miliardi, mentre è terza per il maggior divario tra gettito previsto e riscosso con il 25,9%, dietro solo a Romania (35,88%) e Grecia (29,2%). E’ quanto emerge dal rapporto annuale sull’Iva della Commissione Ue. Rispetto al 2015 c’è stato un lieve miglioramento in termini, in quanto l’evasione si è ridotta dello 0,23% scendendo dal 26,13%, anche se in termini nominali (35,7 miliardi) c’è stato un piccolo aumento dovuto al maggior gettito previsto nel 2016.

Nel complesso, dal 2012 al 2016 l’Italia è riuscita a ridurre l’evasione del 3%, con un divario calato dal 29% a poco meno del 26%. Nel suo insieme, l’Ue ha registrato perdite di introiti sull’Iva per 147,1 miliardi di euro, in calo di 10,5 miliardi rispetto all’anno precedente con una riduzione del gap dello 0,9%, scendendo al 12,3% dal 13,2%. I Paesi Ue in cui l’evasione dell’Iva è la più bassa sono Lussemburgo (0,85%), Svezia (1,08%) e Croazia (1,15%).

 Fitch lima stime Pil Italia, +1,2% nel 2018 – Fitch taglia le stime di crescita per l’Italia, portandole all’1,2% per quest’anno (da 1,3% di giugno) e confermando +1,2% per il 2019 e +0,9% per il 2020. Lo si legge in un breve documento, un aggiornamento del Global Economic Outlook dell’agenzia di rating, dopo una crescita italiana che nel secondo trimestre è stata “la metà di quanto prevedevamo nel GEO di giugno”.

News Correlate