Incremento presenza straniera Terme Luigiane

Aumenta la presenza extra regionale e straniera alle Terme Luigiane –Ancora circa tre mesi di apertura delle Terme Luigiane di Acquappesa-Guardia Piemontese prima del termine della stagione termale 2018,...

Aumenta la presenza extra regionale e straniera alle Terme Luigiane –Ancora circa tre mesi di apertura delle Terme Luigiane di Acquappesa-Guardia Piemontese prima del termine della stagione termale 2018, che coinciderà con la conclusione del contratto di rinnovo della concessione per la gestione delle acque da parte della Regione Calabria.

Intanto l’attuale stagione, aperta nello scorso mese di aprile, sta procedendo nei migliori dei modi, sia come presenza della tradizionale clientela calabrese che come numero di clienti provenienti da altre regioni per la pratica di tutte le cure termali. Gli importanti flussi di clienti interessati anche alla Fisiochinesiterapia hanno indotto la direzione delle Terme Luigiane ad applicare, a partire dal primo settembre, uno sconto del 40% sul prezzo di listino delle prestazioni di Fisiochinesiterapia. Tali cure fisiche e riabilitative rappresentano un efficace valido presidio terapeutico per il trattamento di numerose patologie, in particolare dell’apparato muscolo-scheletrico.

Tra i mesi di maggio ed agosto ben 18 gruppi di persone anziane, per un totale di circa mille pazienti, hanno utilizzato il contributo di quattrocento euro per le spese di viaggio in pullman offerto dalla direzione delle Terme Luigiane. Si tratta di gruppi provenienti dai Comuni di: Dipignano, Aiello Calabro, San Fili, San Vincenzo La Costa, Celico, Mangone, Roggiano Gravina, Mendicino, Castiglione Cosentino, Longobardi, Torano Castello, Mongrassano, Rogliano, Marano Principato, Santo Stefano di Rogliano, Rose, Paterno, Casali del Manco. Altri 12 gruppi per altrettanti mille unità stanno frequentando gli stabilimenti termali delle Terme Luigiane in questo mese di settembre, provenienti dai comuni di: Amantea, San Benedetto Ullano, Marano Marchesato, Bisignano, Acri, Aprigliano, Cerzeto, Castrolibero, Verbicaro, San Marco Argentano, Rende e Scigliano.

Tutto questo per evidenziare che le Terme Luigiane rappresentano in Calabria il centro di maggiore attrazione per la qualità delle acque sulfuree confermando, se non addirittura superando e lo si vedrà a chiusura della stagione nella prima decade del prossimo mese di dicembre, il numero complessivo dei pazienti per tutte le cure termali, attestatosi lo scorso anno sulle ventimila unità.

Una situazione che viene confermata dall’incremento del numero delle presenze straniere, rispetto allo scorso anno, negli alberghi delle Terme Luigiane, dove si è registrato a tutto il mese di agosto un dato con il segno più, pari al 53%. Una presenza straniera proveniente soprattutto dalla Russia e dal Canada grazie anche alla campagna di marketing  turistico – termale attuata negli anni scorsi in Russia come in altri Paesi Europei dalla direzione delle Terme Luigiane.

Terme Luigiane, 10 settembre 2018

News Correlate