In Provincia il primo tavolo tecnico dell’ATEM Cosenza 2 – Est

Entrano nel vivo le attività propedeutiche al bando di gara per l’affidamento del servizio di distribuzione del Gas Naturale. Iacucci: «una sfida importante per la Provincia e una grande opportunità per gli Enti Locali»

Diventa operativo l’ATEM Cosenza 2 Est. Si è già svolta, difatti, una importante giornata di lavori presso la Provincia di Cosenza, per la definizione delle attività necessarie e propedeutiche al bando di gara che individuerà il GESTORE UNICO DELLE RETI DEL GAS NATURALE per  74 Comuni della nostra provincia ricadenti nell’ambito territoriale minimo.

il primo tavolo tecnico ha visto la partecipazione degli esperti ITALGAS, dei professionisti e dei rappresentanti della Provincia, supportati da ALESSCO, con otto Comuni dell’Ambito. Durante il partecipato incontro si è discusso dei criteri su cui basare il confronto necessario a definire, in modo preciso e puntale, la consistenza delle reti. 

A seguire, al fine di dare maggiore impulso alle attività ed avere contezza di quello che sta avvenendo negli altri  ATEM italiani, il Presidente Franco Iacucci e il Consigliere provinciale Delegato Vincenzo Tamburi hanno incontrato l’ing. Alessandra Piani, rappresentante di UNIATEM – Associazione Nazionale del Coordinamento degli Ambiti Territoriali Minimi – a cui l’ATEM COSENZA 2 – EST sta aderendo.

«La gara d’ambito rappresenta sia una importante sfida per la Provincia, nel suo ruolo di Ente appaltante a supporto dei Comuni, sia una grande opportunità per gli Enti Locali in termini di riassunzione di consapevolezza circa le proprietà dei cespiti, per poter trarre da essi un maggior profitto», ha dichiarato il Presidente Iacucci che ha anche evidenziato «la possibilità di potenziamento dell’impiantistica comunale, da prevedere nel Piano di Sviluppo Minimo che l’ATEM dovrà redigere insieme ai Comuni proprio in fase di gara».

Il Consigliere provinciale delegato e Sindaco di San Basile, Vincenzo Tamburi, si è detto quindi consapevole del fatto che «i comuni devono svolgere appieno il ruolo di governo del territorio» e in tal senso ha auspicato «un protagonismo attivo delle Amministrazioni Locali, sia nella fase di definizione dello stato di consistenza sia in quella di redazione dei Piani di Sviluppo con i quali si programmeranno i futuri interventi, da realizzare a cura del nuovo Gestore nei dodici anni di affidamento del servizio.

Nelle prossime settimane sarà convocata l’assemblea dei Sindaci, per dare conto delle attività svolte e procedere alla costituzione della Cabina di Regia prevista nella Convenzione con i Comuni.

News Correlate