Giornata mondiale del turismo al Parlamento Ue il 27/9

Tajani apre il dibattito sul futuro del settore durante la plenaria
European Parliament President Antonio Tajani speaks at a news conference during a special European Summit in Brussels, Belgium, 29 April 2017. EU leaders at the special European Council meeting of the 27 remaining member countries unanimously adopted the guidelines for negotiations with the United Kingdom following their so-called 'Brexit' referendum and triggering the Article 50 in March to leave the European Union. ANSA/JULIEN WARNAND

Il turismo è un settore strategico per tutti i Paesi dell’Unione. Oltre ad assicurare il 10% del PIL Ue, è una delle industrie con maggiori prospettive di crescita e può essere il primo motore di nuova occupazione nei prossimi anni. Il turismo, inoltre, produce importanti ricadute su molti altri settori: le industrie culturali e creative, il tessile e l’artigianato, il commercio, la cantieristica navale, l’agroalimentare, trasporti o costruzioni.

 

A pochi giorni dalla conferenza di alto livello dal titolo ‘Una strategia europea per la competitività dell’industria del Turismo’, che si terrà in occasione della ‘Giornata mondiale del Turismo’ il 27 settembre, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha ricordato: “Sono convinto cheun’industria del turismo più competitiva, che punti su qualità, sostenibilità e internazionalizzazione, rappresenta una risposta concreta alla disoccupazione giovanile. Per restare la prima destinazione numero al mondo, dobbiamo lavorare tutti insieme per sostenere gli sforzi del settore nella competizione globale”. “Per riuscirci – ha precisato – è necessario agire su alcuni pilastri: attirare gli investimenti e migliorare il contesto di business; promuovere la formazione e le competenze necessarie all’industria; cogliere le opportunità e affrontare le sfide della rivoluzione digitale; sfruttare le sinergie per meglio promuovere l’Europa come destinazione turistica nei Paesi Terzi”.

 

“Con un’azione forte della politica, anche a livello europeo, possiamo creare alcuni milioni di posti di lavoro nei prossimi anni, raddoppiando le presenze turistiche in Europa da qui al 2025 – ha aggiunto Tajani -. Il numero di viaggiatori internazionali, infatti, avrà una crescita spettacolare, arrivando a 2 miliardi nel 2030. Molti di questi visitatori saranno rappresentati dal nuovo ceto medio, proveniente soprattutto dall’Asia, potenzialmente attirati dal nostro patrimonio storico, culturale e paesaggistico che è unico al mondo”.

 

L’evento – in programma mercoledì 27 settembre, durante la plenaria del Parlamento europeo a Bruxelles – fa parte di una serie di iniziative promosse da Tajani per ‘Il Parlamento dei cittadini’. Interverranno il vice presidente della Commissione europea, Jyrki Katainen, il presidente del Comitato europeo delle Regioni (CdR) Karl-Heinz Lambertz, il presidente del Comitato economico e sociale (CESE) Georges Dassis, e il direttore generale dell’Unesco Irina Bokova.

 

Parteciperanno, inoltre, il commissario europeo all’Industria e mercato interno Elżbieta Bieńkowska, il commissario europeo per l’Economia digitale Mariya Gabriel, il commissario europeo per l’Istruzione e la cultura Tibor Navracsics, il commissario europeo per l’Occupazione e gli affari sociali Marianne Thyssen, e il commissario europeo per l’Ambiente, pesca e affari marittimi Karmenu Vella, insieme a diversi ministri europei del settore, altre autorità nazionali e rappresentanti delle principali federazioni europee del settore. E’ possibile registrarsi per partecipare alla conferenza.

 

 

News Correlate