Facebook: Zuckerberg presto all’Europarlamento

L'annuncio di Tajani, accettato invito Conferenza presidenti
epa05614707 (FILE) A file picture dated 04 April 2013, shows Facebook co-founder and CEO Mark Zuckerberg speaking during an event at the Facebook headquarters in Menlo Park, California, USA. Social media giant Facebook on 02 November 2016 posted for its Q3 of 2016's adjusted earnings of 1.09 US dollars per share on revenue of some seven billion US dollars and an advertising revenue of 6.82 billionUS dollars, outperfoming analysts' expectations. EPA/PETER DASILVA

Mark Zuckerberg ha accettato l’invito rivoltogli dalla Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo e forse già la prossima settimana sarà all’Eurocamera per chiarire le questioni legate all’uso dei dati personali degli utenti di Facebook. Lo ha reso noto il presidente del Pe, Antonio Tajani, esprimendo “apprezzamento” per il fatto che Zuckerberg “abbia deciso di presentarsi di persona davanti ai rappresentanti di 500 milioni di europei: è un passo nella giusta direzione per ristabilire la fiducia”.

“La Conferenza dei presidenti ha concordato che Mark Zuckerberg debba venire a chiarire le questioni legate all’uso dei dati personali in un incontro con i rappresentanti del Parlamento europeo”, si legge in una nota diffusa da Tajani. “Il fondatore e CEO di Facebook ha accettato il nostro invito e sarà a Bruxelles quanto prima, possibilmente già la settimana prossima per incontrare i presidenti dei gruppi politici del Parlamento e il presidente e il relatore della Commissione per le Libertà civili, giustizia e affari interni”.

“I nostri cittadini – osserva Tajani – meritano una completa e dettagliata spiegazione. Apprezzo che Mark Zuckerberg abbia deciso di presentarsi di persona davanti ai rappresentanti di 500 milioni di europei. È un passo nella giusta direzione per ristabilire la fiducia”.
La Conferenza dei presidenti del Pe ha anche deciso di organizzare, nelle prossime settimane, un’audizione con le parti interessate. Questa audizione offrirà ai membri della Commissione per le Libertà Civili (Libe) e delle altre Commissioni competenti, l’opportunità di effettuare un’analisi approfondita degli aspetti relativi alla protezione dei dati personali. L’accento sarà messo, in particolare, sul potenziale impatto su alcuni processi elettorali in Europa.

“La priorità del Parlamento – rileva ancora Tajani – è garantire il corretto funzionamento del mercato digitale, con un’elevata protezione dei dati personali, regole efficaci sui diritti d’autore e la tutela dei diritti dei consumatori. I giganti del web devono essere responsabili per i contenuti che pubblicano, incluse le notizie palesemente false e i contenuti illeciti. La libertà deve sempre essere accompagnata dalla responsabilità”.

 

News Correlate