Difesa Ue: Pinotti, in pochi mesi più strada che in 60 anni

Progetto partito da lettera Italia, Francia, Germania e Spagna
Il ministro della Difesa Roberta Pinotti, durante la firma dell'intesa tra Regione Liguria e Arma dei Carabinieri per il potenziamento della sicurezza nella regione, 30 agosto 2017 a Genova. ANSA/LUCA ZENNARO

Roberta Pinotti condivide con Federica Mogherini l’idea che quella di oggi sia una “giornata storica” per il lancio delle Pesco, le ‘cooperazioni strutturate permanenti’ previste dal Trattato di Lisbona che permetteranno di mettere in atto una politica europea della difesa. “E’ così: dopo 60 anni di attesa, in pochi mesi abbiamo fatto più lavoro e fatta più strada di quella compiuta in tutti i decenni precedenti” ha detto Pinotti, che ha aggiunto: “E’ un momento importante. C’è stata sicuramente una spinta forte dovuta anche alla volontà politica nuova che gli stati hanno manifestato rispetto a questo percorso. C’è stato anche un lavoro che abbiamo fatto con Germania, Francia e Spagna per mettere un po’ di benzina e dare un’accelerata al percorso”. “Sono molto contenta – ha continuato Pinotti – perché il percorso iniziato con una lettera a quattro ha avuto un’adesione altissima ed oggi credo che registreremo quasi la totalità. Alcuni no per evidenti motivi, ma la stragrande maggioranza delle nazioni della Ue fermerà l’adesione alla Pesco. E’ passaggio molto importante”.

 

News Correlate