Con i fucili in area Parco Sila,denunce

Trovati da Cc forestali, uno era sprovvisto di licenza venatoria
Armi sequestrati

I carabinieri forestali del Reparto Parco nazionale della Sila hanno denunciato a Longobucco due persone per il reato di introduzione di armi in area protetta.
I militari, durante un servizio di controllo mirato alla prevenzione del bracconaggio, hanno trovato all’interno dell’area del Parco un mezzo fuoristrada con all’interno due fucili da caccia con relativo munizionamento, oltre a tre cani solitamente utilizzati per la caccia alla beccaccia. Dopo avere proceduto ad accertare la proprietà della vettura e delle armi, i carabinieri forestali sono risaliti alle due persone denunciate. Da ulteriori verifiche è emerso che uno dei proprietari dei fucili trovati all’interno della vettura è risultato sprovvisto della licenza di caccia. Armi e cartucce sono state sequestrate.

News Correlate