CALABRIA, SICLARI (FI): MORRA DEVE ESSERSI SBAGLIATO, NON POTEVA VOLER ACCOSTARE IL CROCIFISSO E LA MADONNA ALLA ‘NDRANGHETA

“Il Crocifisso l’ho sempre portato sin da piccolo e credo lo porti anche Morra, il Senatore calabrese M5S che, come avete ascoltato in diretta TV, ha dichiarato che “La...
“Il Crocifisso l’ho sempre portato sin da piccolo e credo lo porti anche Morra, il Senatore calabrese M5S che, come avete ascoltato in diretta TV, ha dichiarato che “La #Madonna e il Rosario in Calabria sono utilizzati per mandare messaggi alla ’ndranegherà”. Sono certo, mi auguro di non essere smentito, che il Senatore (Presidente della Commissione Bicamerale Antimafia) non voleva affermare quanto ha dichiarato, oggi, in aula del Senato. Non ci credo e non voglio crederci!”
È questa la considerazione amareggiata che il senatore forzista Marco SICLARI ha lasciato sui social dopo aver ascoltato in aula l’intervento del senatore 5stelle, anche lui calabrese, Morra.
“Piuttosto ci tengo a dire, ancora una volta, che in Calabria non vivono 4 milioni di presunti ndrangestisti, ma 4 milioni di vittime di ‘Ndrangheta che, maledettamente, ha distrutto la vita e la reputazione dei calabresi impoverendo la nostra regione, colpendo gli imprenditori calabresi ed impedendo ai giovani di avere un futuro nella nostra terra. Mi piacerebbe che la stampa nazionale, però, parlasse della parte sana della Calabria e che la politica lavorasse seriamente per creare #msviluppo in Calabria investendo in modo sano e serio quei miliardi di euro che sono stati sottratti negli ultimi 40 anni ai calabresi e che devono essere destinati alla realizzazione delle infrastrutture e dei trasporti necessari per lo sviluppo del territorio e dell’occupazione. In questo modo la Calabria uscirà dall’isolamento geografico e culturale e saremo, veramente, utili anche alla magistratura che lavora per liberare definitivamente e finalmente i calabresi dalla ‘Ndrangheta”, ha concluso il senatore azzurro.

News Correlate