ARREDAMENTO: CALABRESI AL TOP PER ORE TRASCORSE IN CAMERA DA LETTO. ULTIMI I LOMBARDI CHE PREFERISCONO SALOTTO

La camera da letto non è più solo il luogo dell’intimità di coppia, ma con l’evoluzione che caratterizza le famiglie italiane, una sorta di prolungamento del salotto o del...

La camera da letto non è più solo il luogo dell’intimità di coppia, ma con l’evoluzione che caratterizza le famiglie italiane, una sorta di prolungamento del salotto o del soggiorno in cui si legge, si naviga nel web, si guarda la televisione. Ed è per questo che le maison di arredamento stanno adattando le loro offerte alle nuove esigenze e soprattutto ai cambiamenti comportamentali e antropologici. Una ricerca realizzata dall’Osservatorio di ACCADEMIA DEL MOBILE, azienda leader in Italia per la produzione di mobili 100% ECOSOSTENIBILI e GREEN, ha monitorato il tempo che le coppie italiane trascorrono in casa e nelle rispettive stanze con dati raccolti su un campione di 786 coppie dai 25 ai 55 anni distribuite in tutta Italia.

La CAMERA DA LETTO, sia pure nelle sue articolazioni più tecnologiche, resta un punto di riferimento per i nostri connazionali del Sud che, al giorno d’oggi, vogliono ricreare un ambiente raccolto ma allo stesso tempo aperto alle altre stanze della casa, dando vita a un’area rilassante. I CALABRESI, amanti del benessere, ci trascorrono 7 ore e 30 minuti. Al secondo posto i SICILIANI, con 7 ore e 15 minuti e sono disposti a investire per renderla sempre più vicina a quella dei loro sogni con una disponibilità di spesa per rinnovare questa parte dell’abitazione piuttosto alta. Terze le coppie PUGLIESI, con 7 ore e 10 minuti, che amano cadere tra le braccia di Morfeo. Al quarto posto della classifica i LAZIALI: loro trascorrono 6 ore e 50 minuti in camera da letto; seguiti dai MARCHIGIANI, quinti con 6 ore 45 minuti; e UMBRI, al sesto posto con 6 ore 30 minuti. Gli italiani che trascorrono meno tempo in assoluto in camera da letto sono al Nord: al settimo posto troviamo i PIEMONTESI, all’ottavo i LIGURI seguiti dai VENETI e ultimi, i LOMBARDI, che, per definizione sono considerati come “sempre di fretta”, trascorrono solo 5 ore e 50 minuti.

Questi ultimi, i LOMBARDI, invece sono primi in classifica nel tempo trascorso in SALOTTO o SOGGIORNO. In un’ora e 10 minuti, mangiano mentre guardano la tv oppure accolgono gli ospiti. Seguiti dai PIEMONTESI (al secondo posto con 1 ora), molto attenti all’aspetto estetico di questa area dell’abitazione perché punto di conversazione. Terzi i “produttivi” VENETI, che trascorrono quasi un’ora (57 minuti) nell’area living. Al quarto e quinto posto rispettivamente i TOSCANI (52 minuti) ed i TRENTINI (50 minuti). Seguono i MOLISANI (48 minuti) e gli ABRUZZESI che vivono il salotto per 45 minuti. Ultimi in classifica i CAMPANI all’ottavo posto (40 minuti), i LUCANI al nono (35 minuti); ultimi della top-ten i MOLISANI che trascorrono 30 minuti nel salotto di casa.

 

Per quanto riguarda la CUCINA, la ricerca di Accademia ci fornisce dati differenti: quest’area è la preferita degli EMILIANI-ROMAGNOLI che li vede in testa alla classifica: queste coppie dichiarano di restarci 1 ora e 45 minuti, data la loro passione per l’arte culinaria e lo spiccato senso di convivialità di questa zona della casa. Proprio come per i CAMPANI al secondo posto con 1 ora e 30 minuti; ed i PUGLIESI al terzo (1 ora e 25 minuti), che ritengono la cucina della propria abitazione debba essere funzionale e tecnologica per preparare e consumarvi i piatti tipici regionali preferiti. Quarti i vicini LUCANI (1 ora e 15 minuti), mentre i CALABRESI sono al 5° posto della classifica con 1 ora e 10 minuti. Sesti gli ABRUZZESI (1 ora esatta trascorsa in cucina). Al settimo posto le coppie TOSCANE (48 minuti) e ottave quelle MARCHIGIANE (40 minuti), riescono a mangiare e a chiacchierare prima di cambiare stanza. Chiudono noni i LOMBARDI (30 minuti) e decimi i PIEMONTESI (25 minuti), che si soffermano in cucina solo il minimo indispensabile.

 

I designer si stanno dimostrando sempre più attenti al fine di interpretare al meglio le richieste dei nuovi “nuclei familiari” che richiedono un arredamento ECOSOSTENIBILE e GREEN per il proprio benessere. ACCADEMIA ha pensato di realizzare una linea di mobili totalmente in LEGNO MASSELLO a zero tossicità certificati Social Footprint livello approfondito AAA, trattati esclusivamente con OLIO NATURALE, vernici con ciclo completo all’acqua che non rilascia solventi ed è salubre per l’uomo. È indispensabile arredare l’abitazione con mobili ECOSOSTENIBILI per il proprio benessere. Mobili che non rilasciano sostanze tossiche, come per esempio le vernici, che sono un vero e proprio attacco alla salute.

 

“Noi di Accademia del Mobile abbiamo pensato a dei componenti di arredo studiati su misura con tutti i connotati del legno massello e finiture all’acqua in modo tale da garantire la salubrità dei nostri clienti, dal Nord al Sud Italia.” – Dichiara MATTEO ROSSI, Amministratore Delegato di ACCADEMIA DEL MOBILE.

News Correlate