Almaviva: via libera di Strasburgo a 3,34 milioni di aiuti

Ok a rapporto Viotti (Pd), sostegno Ue a oltre 1600 ex dipendenti
La partenza del corteo da piazza della Repubblica per la manifestazione di protesta dei dipendenti di Almaviva, Roma, 21 gennaio 2017. ANSA/ ANGELO CARCONI

Il Parlamento Ue ha dato il via libera definitivo allo stanziamento di 3.347.370 di euro di aiuti per sostenere nella ricerca di un nuovo impiego i 1.610 lavoratori licenziati nella sede di Roma da Almaviva Contact SpA. Lo stanziamento, già approvato dal Consiglio Ue lo scorso 7 novembre e previsto dal rapporto firmato dall’eurodeputato del Pd Daniele Viotti, ha ricevuto 579 voti a favore, 79 contro e 15 astensioni.

 

“L’approvazione di questo testo permette di sostenere oltre 1600 lavoratori e lavoratrici che hanno perso il lavoro a causa di politiche aziendali predatorie e senza rispetto per i diritti”. Daniele Viotti, relatore del rapporto sugli aiuti agli ex dipendenti di Almaviva approvato oggi a larga maggioranza dal Parlamento Ue, commenta così lo sblocco definitivo dei circa 3,4 milioni di euro di fondi comunitari. “Si tratta – continua in una nota – del sostegno concreto a una situazione critica che, in primo luogo, non si sarebbe dovuta verificare ma che dimostra la vicinanza effettiva delle istituzioni a chi sta soffrendo gli effetti della crisi economica”. “Come promesso”, conclude Viotti, “l’iter è stato celere”, ora “l’Italia potrà, grazie a questi soldi, attivare training, ricollocamenti, liquidazioni, prepensionamenti e finanziare ammortizzatori sociali”.

News Correlate